Diego Zandel, Essere Bob Lang, Hacca

Diego Zandel, Essere Bob Lang, Hacca

C’è molto di più del Diego Zandel che conosciamo e amiamo, in questo romanzo dalla struttura che ingolosisce, come una torta a strati diversi e bene armonizzati. All’inizio ci troviamo dentro un perfetto meccanismo thriller, con protagonista Bob Lang, giornalista d’assalto, e lo scenario di Cipro dove servizi segreti, mafia russa e avventurieri assortiti sono a caccia di una preziosa icona greca, combattono una guerra senza quartiere, e dove non manca, come vuole questo genere narrativo, una donna splendida e sensuale. Una donna di sicuro molto diversa da Susy, moglie di Marco, il vero protagonista del romanzo, padre di un bambino (Ernesto, come Hemingway), impiegato di banca, scontento del trantran familiare, nello scenario della Roma di oggi, gran sognatore, capace di trasformare ogni persona e ogni episodio della sua normalità in un particolare del romanzo che sta scrivendo, con la giusta stilizzazione ed “esagerazione”, quello con Bob Lang e il suo amico Vasco Carena, anziano scrittore di successo. In questa maniera, Diego Zandel ci racconta due romanzi appassionanti: la vita dell’insoddisfatto bancario Marco e l’avventura dell’eroico Bob. Come Giuseppe Pontiggia che incontra Ken Follett. La grande impresa (perfettamente riuscita) di Zandel consiste nel trascinare il lettore in un crescendo mozzafiato dentro le due finzioni che si fondono e si confondono, fino a diventare un’unica realtà (narrativa) nella grandiosa scena d’azione del finale all’aeroporto di Fiumicino. Più un ultimissimo colpo di scena. Unico autore italiano autenticamente mediterraneo e mai provinciale, in questo romanzo Diego Zandel spazia con disinvoltura tra Roma, Cipro e il Medio Oriente. Non manca l’amata isola di Kos: è la patria della madre di Marco. Di nuovo c’è anche l’officina del romanzo: seguiamo la nascita del thriller, con la consulenza di uno scrittore anziano e di successo, amico di Marco: il Sebastiano Monti che con un altro nome e la medesima affascinante figlia finisce nel romanzo del bancario aspirante scrittore. Utili, precise e cattive quanto basta le pagine dedicate al mondo dell’editoria di oggi.

Giuseppe Pederiali

One thought on “Diego Zandel, Essere Bob Lang, Hacca

  1. Pingback: Hacca | giraLibro a SanSalvario

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>