Joris-Karl Huymans, Alla deriva, :duepunti edizioni

Il signor Folantin, impiegatuccio senza mezzi, è il protagonista di questa divertente e corrosiva ricostruzione di un mondo sommerso e marginale che anima le strade e i quartieri della Parigi ottocentesca. L’autore non senza compiacimento scuote alle fondamenta il bozzetto naturalista alla Zola, anticipando i temi dello spleen decadentista di Controcorrente (A rebours, 1884). Folantin alla ricerca di un suo personale ideale estetico, viene descritto nel tentativo di dare una parvenza di rispettabilità alla sua incolore vita da scapolo, trascinandosi di delusione in delusione tra piccole bettole e cucine popolari dove consuma i suoi pasti scadenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>