Charles Bukowski, Santo cielo, perché porti la cravatta?, minimum fax

Giunge al sesto volume di poesie la “collana nella collana” con cui minimum fax sta portando all’attenzione del pubblico lettere e opere poetiche finora inedite di Charles Bukowski, una vera “riscoperta” di enorme successo. Questa è la prima parte di una raccolta uscita postuma negli Stati Uniti, The Night Torn Mad With Footsteps, che comprende poesie scritte fra il 1970 e il 1990. Vecchi Tarzan hollywoodiani finiti all’ospizio, pugili precipitati dalla gloria all’alcolismo, fantini vedovi che commuovono l’intero ippodromo; il funerale dell’amato John Fante, i ricordi di un’infanzia violenta e di una vita passata fra stanze in affitto e banconi di bar: questa la “Los Angeles dell’anima” che Bukowski racconta con la sua voce inconfondibile, carica di ironia e tenerezza.

One thought on “Charles Bukowski, Santo cielo, perché porti la cravatta?, minimum fax

  1. Pingback: minimum fax | giraLibro a SanSalvario

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>