Rafael Bernal, Il complotto mongolo, La Linea

Città del Messico, anni ’60. La differenza tra poliziotto e sicario non esiste quando si tratta di uomini come Filiberto García; ed è proprio di lui che le alte cariche del governo messicano intendono servirsi per sventare un complotto internazionale.
I tempi stringono e il presidente degli Stati Uniti rischia di essere ucciso. Filiberto ha quarantotto ore per svolgere le indagini secondo i propri metodi poco ortodossi.
Il complotto – che coinvolge FBI, KGB, militari e politici messicani – le trasforma in quarantotto ore di sangue. Le piste da seguire si accavallano e si confondono tra oscuri caffè cinesi, fumerie d’oppio, donne misteriose e agenti segreti. L’unico modo per portare a termine la missione è la legge della giungla: uccidi prima di essere ucciso. E Filiberto non perde mai l’occasione di essere il primo. Ma anche l’armatura di quest’uomo disilluso e tutto d’un pezzo può essere scalfita quando il suo destino s’incrocia con quello della giovane e bella Martita.
Capostipite del noir messicano, questo romanzo è anche un’analisi disillusa della realtà postrivoluzionaria del Messico e della corruzione delle sue istituzioni.

One thought on “Rafael Bernal, Il complotto mongolo, La Linea

  1. Pingback: La Linea | giraLibro a SanSalvario

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>